TUTTI I COLORI di EMMA BONINOgionali Lazio 24-25

lunedì, gennaio 09, 2017

Strategie di resistenza alla violenza di genere delle donne italiane

Si viju lu diavulu non schiantu. 
(Se vedo il diavolo non mi spavento)- Canzone femminile Calabrese

 Le contadine italiane nel 1800 mettevano in pratica diversi metodi di resistenza quotidiana. Ad esempio, queste donne "esercitavano indirettamente un notevole potere sociale, organizzando matrimoni, assegnandosi ruoli sociali, aiutandosi l'una con l'altra per partorire, e, quando necessario, per abortire" (Guglielmo, Vivere la rivoluzione, 23).
 Inoltre, queste donne divennero spesso i capi/famiglia quando i loro mariti o padri emigrarono in America. Con le ripetute e lunghe assenze degli uomini "l'emigrazione ha causato una maggiore separazione tra "l'autonomia all'interno" del  femminile e spazi maschili, e spesso le donne occupavano il centro della famiglia, che era il cuore della comunità" (Guglielmo, 23).
 Questa strutturazione patriarcale/matriarcale  della famiglia continua ancora.
 Tuttavia, si deve distinguere tra Sud e Nord Italia. Il Sud Italia è meno industrializzato e più tradizionale, in qualche modo, rispetto alla sua controparte del Nord. Ci sono anche molte contese tra le due regioni, il che complica ulteriormente l'andamento generale della violenza domestica del paese.
 Nell'Ottocento, queste donne erano spesso abusate dagli uomini nella loro famiglia, ma avevano molti modi e mezzi per resistere. Quelli con cui le donne italiane hanno resistito sono stati: l'acquiescenza, il silenzio, le ritorsioni (verbali e / o fisiche), la fuga, il suicidio, l'omicidio, il divorzio, l'adesione a organizzazioni/ rifugi femminili, e l'utilizzo di spazi per sole donne. Le donne oggi in Italia continuano a utilizzare queste aree di resistenza. In questo articolo, vorrei discutere e analizzare le tre strategie di resistenza che le donne italiane utilizzano per combattere la violenza del partner.
 Le strategie che ho analizzato sono:  gli spazi per sole donne, le ritorsioni verbali/ fisiche, e l'accesso a organizzazioni / rifugi femminili.



Spazi per sole donne

Il marito è come il governo a Roma, tutto pompa; la moglie è come la mafia, tutto il potere.
- Proverbio italiano

Storicamente le donne italiane hanno utilizzato gli spazi per sole donne come un modo per resistere alla violenza domestica.
 Guglielmo afferma, "Le donne costituivano i loro circoli sociali con quelli di cui potevano fidarsi e affidarsi meglio, che erano spesso una combinazione di parenti e vicini di casa" (Guglielmo, 17).
 Le donne passavano un sacco di tempo nel cortile, " la corte semichiusa al centro di case adiacenti" (Guglielmo, 18). Il cortile era una zona dove le donne potevano parlare tra loro di ciò che stava accadendo a casa, mentre preparavano il cibo insieme. Queste donne condividevano storie e cercavano consigli.


 Anche se il cortile dell'Ottocento non esiste più, le donne di oggi si incontrano nelle piazze per uscire da casa e per ottenere supporto quando ne hanno bisogno. Queste "fatiche quotidiane hanno richiesto forti reti sociali, che hanno messo in crisi anche le storie di passività femminile e di isolamento" (Guglielmo, 20).

La capacità delle donne di essere attive nell'ambito pubblico più spesso  ha rappresentato davvero una grande area di resistenza. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto in questo campo che "se gli uomini hanno storicamente esercitato un maggiore controllo sulle donne nella loro vita, come i rapporti di potere e sistemi sociali si vanno modificando le donne stanno guadagnando più indipendenza" (Guglielmo, 23).
L'ironia a proposito del cortile, punto di raccordo dei corpi e delle voci delle donne, è che spesso il pestaggio avviene proprio lì. L'umiliazione pubblica contro le donne sarebbe perciò un'aggiunta alla violenza fisica. Guglielmo afferma: "... l'uomo che ha rotto il braccio di sua moglie lo ha fatto nel centro della città e ha dichiarato che ha pagato troppo e che stava pagando un anticipo il medico per l'altro braccio, per la prossima volta che avesse fiatato" (Guglielmo, 24). Questo tipo di esposizione al pubblico dell'abuso non si verifica più spesso come una volta, ma le donne hanno anche il permesso di esistere fuori della casa, ora..

Le donne italiane sono state storicamente capaci di resistere alla violenza domestica per la loro capacità di rapportarsi in spazi pubblici con le altre donne al di fuori della loro struttura familiare. Questi spazi sono stati una zona di sicurezza, e un luogo di riposo e di recupero per le donne maltrattate. Sebbene il cortile reale sia ormai per lo più un ricordo, continua ad esistere in forme diverse.

Rivalsa (verbale / fisica)

Sono una ribelle che si oppone a tutte queste ingiustizie, e invito anche voi a lottare.
- Maria Barbieri

 Gli Spazi solo-Donne sono stati un modo indiretto di resistere alla violenza domestica, ma il modo in cui le donne italiane resistevano direttamente è attraverso le ritorsioni, verbali e/o fisiche.  Nell'Ottocento, se una giovane moglie veniva picchiata, andava a dirlo ai suoi genitori.
Poi, ecco succedere un vero miracolo "... i fratelli, i cugini e altri parenti maschi della ragazza picchiata andarono, guidati dalla vecchia madre, verso la casa della ragazza. E lì si avventarono sul marito e lo picchiarono. Poi in una sorta di processione la madre e i suoi parenti se ne sono tornati a casa "(Guglielmo, 25). Questo caso dimostra la forza delle donne. Anche se l'esempio è più indiretto, le donne italiane hanno anche schiaffeggiato, colpito, accoltellato i loro aguzzini, come forme di resistenza.

Una donna di Potenza (una città italiana del sud) afferma:

"Ero una giovane sposa e non ero un angelo. Ero ostinata e mi rivoltavo contro mio marito, le cui idee mi sembravano folli. Io ero molto più forte di lui. Ogni volta che ha cercato di colpirmi ero pronta a restituirgli il colpo. Questo succedeva in casa nostra. Ma aveva la meglio su di me perché mi ha picchiato molte volte in strada. In strada non ho nemmeno pensato di resistergli. Se l'avessi fatto certamente gli avrebbe portato discredito."(Guglielmo, 26)
Michelina Cesare
 L'ammissione di questa donna di restituire i colpi mette in mostra la sua forza, la determinazione e la resistenza.
 La strategia di colpire sparlando-dietro è spesso  quella con meno probabilità di essere utilizzata.
 La ricercatore Margaret Abraham dice che questo potrebbe significare "che la donna teme che mettere in atto una tattica di difesa più aggressiva come colpire di nuovo potrebbe aumentare ulteriormente la violenza contro di lei, con una maggiore possibilità di mettere a repentaglio la propria vita" (Sokoloff e Pratt, la violenza domestica ai margini , 259).
 Storicamente, le donne italiane non hanno praticano la violenza come strategia di resistenza, ma attualmente questa forma di resistenza è stato utilizzata più spesso, da quando la violenza domestica è venuta sotto i riflettori.

L'accesso alle Organizzazioni Femminili
Eliminare la violenza richiede politiche urgenti e risposte concrete.
- N. Livi-Bacci



 Un'altra forma di resistenza delle donne italiane è andare a un rifugio per donne maltrattate.
 I primi rifugi per donne maltrattate in Italia sono stati aperti a Bologna e Milano nel 1980, ma ora ci sono circa 100 centri e linee telefoniche in tutto il paese (Livi-Bacci, delle donne e dei centri di crisi Rifugi in Italia, S65-66).
 Il movimento delle donne maltrattate in Italia è diventato forte e vivace, "non solo nel fornire un servizio di soluzione  diretta, ma anche nella ricerca di molteplici vie per promuovere il cambiamento, facendo pressioni per l'intervento legislativo e altre attività appropriate  per migliorare la risposta della comunità a tutti gli abusi sulle donne" (Livi- Bacci, S65).
 Oggi esistono molti rifugi in tutta Italia e le donne li utilizzano. Una donna che ha utilizzato il rifugio per opporsi alla violenza domestica si chiama Suvanda.
 Lei afferma: "Ho sposato un italiano, è stato 12 anni fa. Sono stata trattata male, con violenza, sia fisica che psicologica ... Ho avuto tre figli con lui. Siamo stati tutti chiusi in casa e nessuno poteva aiutarci. E poi ho scoperto questo centro sociale. Mi è stato detto che qui avrebbero potuto aiutarmi. Sono stata fortunata - ho preso i miei figli e sono scappata... "(RT). Suvanda è fuggita al rifugio Maree a Roma, che ha spazio solo per venticinque donne e cosi ha una lunga lista d'attesa. Tuttavia, rifugi di questo tipo sono aperti in tutta Italia, e continuano ad aprire. Le donne hanno organizzato molti ricoveri, negli ultimi dieci anni almeno.
 Un po' a causa del recente cambiamento culturale nel riconoscere la violenza domestica, l'uso dei rifugi è in crescita. Baldry afferma: "A Roma, dal 1992 al 1998 c'è stato un aumento di oltre il 100% delle donne che hanno contattato un rifugio" (Baldry, Violenza domestica: una visione globale, 60). L'autore continua: "A Bologna, il numero medio di donne che ogni anno entrare in contatto con il rifugio è di oltre 300; a Milano, più di 1.000; e a Palermo, nel corso del 1998. oltre 400 donne hanno contattato il rifugio "(Baldry, 60).
 Queste statistiche sono preoccupanti, ma almeno le donne vittime di abusi vanno in cerca di sostegno nei rifugi locali gestiti da donne. Si spera, che ci sarà un momento in cui  questi rifugi non saranno più  necessari.

La resistenza delle donne italiane assume molte forme diverse. Anche se ci sono molte discussioni su cosa costituisca la resistenza, ho trovato utile precisare le tre possibilità sopraindicate per le donne, se lo desiderano. Non credo si possa, o si debba, giudicare un altro sulle sue strategie di resistenza. Tutti noi siamo diversi e inevitabilmente utilizziamo strategie diverse per resistere. Il più delle volte, la resistenza è pensata per prevedere solo atti fisici che possano bloccare un incidente. Ciò non deve essere la regola, e non si verifica in molte situazioni. Una donna che sceglie di resistere in altri modi, come la fuga, non è considerata come oppositore, ma come vittima.
 Il linguaggio può essere estremamente importante, soprattutto per una donna che ha subito abusi.
 Per non continuare a vivere per sempre nel proprio vittimismo isolandosi, deprimendosi, e tra gli stenti.
Ann Russo afferma: "... individuando le donne che hanno subito abusi e le sopravvissute di abusi, violenze, percosse e stupri come solo o prevalentemente vittime, alla fine si rafforza la nostra condizione di vittime, riducendoci a quello che qualcun altro ci ha fatto" (Russo, Riprendendoci la nostra vita, 28).
Come suggerisce il quadro concettuale di Russo, dobbiamo continuare ad oscillare tra vittima-sopravvissuta-resistente alla nostra velocità. Le donne che hanno subito abusi possono essere dati dell'agenzia, ancora una volta. Le donne italiane resistono e continuano a farlo.

da Italian Women’s Strategies of Resistance by Lachrista Greco


Nessun commento: