TUTTI I COLORI di EMMA BONINOgionali Lazio 24-25

domenica, giugno 19, 2016

mascolinità tossica: Lo stupratore di Stanford e lo sparatore di Orlando sono le due facce della stessa medaglia




Brock Turner, lo stupratore di Stanford, e lo sparatore di Orlando ( non voglio scrivere il suo nome, ha avuto già abbastanza pubblicità) sono i due rovesci della stessa medaglia. Non sto affermando che i loro crimini sono equivalenti. Ma sto dicendo che entrambi gli uomini, nel loro modo contorto, rappresentano i livelli letali con cui la mascolinità tossica opera nella nostra cultura. Il fondamentalismo puntella la mascolinità. Mentre le insicurezze maschili, presenti nei documenti della Chiesa cattolica già nel 13 ° secolo, vanno ancora più indietro. In ogni forma di legislazione dalla regolamentazione delle donne - dei loro corpi, delle loro capacità riproduttive, alla loro capacità di parlare, di pensare, di vivere in modo indipendente - ci si trova di fronte alla prova di una mascolinità fragile, che vuole affermare il suo potere sul sesso poiché non ha la forza fisica per sostenerle.

Nel 2005, nei giorni in cui scrittori come me scrivevano blog, ho risposto a Thomas Frank, autore del "Qual è il problema del Kansas?" nel quale sosteneva allora (e continua a sostenere) che le "guerre culturali" erano una distrazione. Egli affermava che il vero problema - le questioni economiche che mantengono poveri gli americani lavoratori- è stato il più importante, elemento guida nella nostra cultura.

Frank pensava che discutere di "questioni morali" come il matrimonio gay e l'aborto - per esempio - sia stata una perdita di tempo. Queste erano secondo lui questioni di poco conto, l'equivalente moderno di "panem et circenses." Insignificanti. Ho sostenuto allora, e affermo ora, che l'etichettare un problema che non vi riguarda direttamente come una "questione morale" è solo uno dei modi in cui chi non si adatta allo stereotipo del bianco, maschio, di classe media, normale e moderato, dice che questi problemi sono solo " questioni  singole, personali"  e che non sono importanti.

E 'divertente come quei singoli problemi continuano ad uscire fuori di nuovo e di nuovo ancora. Forse quei singoli temi sono, infatti, i piloti della nostra cultura e la distrazione qui è l'economia - il voler fare soldi - cioè. Mi sembra che i  problemi che stanno guidando la nostra politica, le nostre discussioni, e che svolgonoun ruolo nei nostri crimini comuni, sono tutti i vari modi per cercare di capire cosa significa essere un uomo in questa società.

Amanda Marcotte, scrivendo per  Salon, ha sostenuto che la mascolinità tossica gioca un ruolo enorme nella cultura delle armi. Ai fini di un vocabolario comune, ho intenzione di usare la sua definizione di mascolinità tossica:
"Quindi, per essere estremamente chiari, la mascolinità tossica è un modello specifico di virilità, orientato verso il dominio e il controllo. 
Si tratta di una virilità che vede le donne e le persone LGBT come inferiori, vede il sesso come un atto non di affetto, ma il dominio, e che valorizza la violenza come modo per provare se stessi al mondo. "

Riguardo tale definizione, vorrei precisare che l'insicurezza maschile - il timore che la propria virilità non sia "sufficiente" è spesso la forza che spinge gli uomini a denigrare gli omosessuali, o le donne, o a sostenenere che i loro peni sono più grandi di quelli di chiunque altro. Donald Trump è il manifesto corrente del ragazzo per tutto ciò che si manifesta come insicurezza maschile.


Come femminista, so giàche nel momento in cui suggerisco che i problemi sono legati a questioni di insicurezza maschile o mascolinità tossica, sarò immediatamente presa di mira da un sacco di uomini che pretenderanno di ribattermi che "non tutti gli uomini sono così," e, prendendo in prestito il parole di quel grande intelletto, Rush Limbaugh, vorranno affermare che io sono una specie di "femmiNazi" e che tranne  castrare gli uomini voglio dare loro la colpa per qualsiasi cosa. Ma non è quello che sto facendo. Prima di tutto, so bene che le  generalizzazioni non comprendono tutto di niente. Questa non è una generalizzazione. Si tratta di un tentativo di lottare con un problema che vedo come una piovra con braccia che avvolgono molti dei problemi che stiamo così  discutendo. E, poichè sto lottando, devo usare parole che sono a loro volta oggetto di dibattito, ma non riesco nemmeno a dare un segno per iniziare una discussione se non uso alcuni termini su cui siamo in grado di parlare. E, se questi problemi fossero solo su scambi di parole, vorrei che potesse essere una discussione da una notte in dormitorio per una sessione ritardata sul bullismo. Ma questi problemi stanno uccidendo delle persone. Per ciò mi sento - a volte disperatamente - che abbiamo necessità assoluta di parlarne, più e più volte, fino a che non cominciano ad arrivare a qualche modo per noi di andare avanti.

Così, se osserviamo lo sparatore di Orlando e Brock Turner, abbiamo due esempi di come la comprensione di ciò che significa per giovani uomini  essere di sesso maschile in questa cultura hanno portato a morte e distruzione.

Come emergono più dettagli sullo sparatore di Orlando più il racconto messo fuori nell'immediato da sapientoni di destra e da media disperati per aderire a una storia di tipo familiare appare sbagliato. Credo che il tiratore può aver chiamato il 911 e si è dichiarato fedele al Daesh (o ISIL o ISIS - stessa entità). Egli può anche aver dichiarato ai colleghi che era un terrorista. Ma sappiamo anche che ha picchiato la moglie. Che era probabilmente bi-polare. E che lui era molto arrabbiato per una serie di motivi. Ma la principale fonte di rabbia per lui sembra essere stato se stesso.

Si è recato alla discoteca Pulse. Il padre sostiene che il figlio ha perso la trebisonda quando ha visto due uomini che si baciavano. E suo padre si affretta a dire che suo figlio sapeva che l'omosessualità non è coerente con l'Islam- o almeno con la comprensione dell'Islam da parte del padre.  Sempre più il tiratore di Orlando appare essere un omosessuale velato che non riusciva a mettersi a proprio agio nella sua propria pelle, nei propri desideri. E così, in un impeto di rabbia, o psicosi o mania, ha preso le armi che aveva comprato legalmente - da un ex poliziotto di New York che aveva inveito contro l'Islam e il presidente Obama pubblicamente, ma che non ha avuto nessun problema a vendere armi per un giovane disturbato - e ha fatto fuoco su una folla di ballerini, di gay felici da discoteca e ha cercato di uccidere la parte di se stesso che gli causava la sua vergogna.

L'Islam, come il Cristianesimo, l'Ebraismo, l'Induismo e, è zeppo di problemi di "integralismo"  L'Islam fondamentalista dice che l'omosessualità è un peccato grave. I combattenti del Daesh stanno uccidendo i gay. Secondo le relazioni di Associated Press:

"Secondo l'interpretazione radicale dell'Islam da parte del gruppo Stato Islamico, i gay dovrebbero essere gettati da un edificio alto poi lapidati se non sono morti quando raggiungono il suolo. I gruppi basano questa punizione orribile su un passo (del Corano) in cui il profeta Maometto avrebbe affermato che gli omosessuali "devono essere gettati da enorme altezza poi lapidati".
Nel corso degli ultimi due anni, il gruppo Stato Islamico ha gettato decine di uomini gay da edifici alti nelle aree di Iraq e Siria sotto il suo controllo. Video on-line del gruppo mostrano militanti mascherati che spenzolano uomini oltre i parapetti di edifici per le gambe per farli cadere a capofitto o li gettano oltre il bordo."

Ma ciò che i musulmani fondamentalisti propongono di fare per i gay non è poi così diverso da quello che  sostengono i cristiani fondamentalisti. Sono stati degli americani cristiani fondamentalisti che hanno lavorato con i ministri ugandesi per creare una legge per punire gli omosessuali con la pena di morte. E diversi fondamentalisti cristiani hanno celebrato la strage di Pulse. Steven Anderson, il pastore in una chiesa a Tempe, Arizona, ha postato:

"La buona notizia è che ci sono 50 pedofili in meno in questo mondo, perché, si sa, questi omosessuali sono un mucchio di pervertiti disgustosi e pedofili. Ecco chi è stato vittima qui, sono solo un sacco di disgustosi omosessuali in un bar gay, va bene? "


E sì. Lo so. "Non tutti i cristiani." Ci sembra  però di non avere problemi a riconoscere un fondamentalista cristiano quando ne sentiamo uno. E 'lo stesso fondamentalismo che guida l'ideologia del Daesh. Il problema non è l'Islam. Si tratta di interpretazioni fondamentaliste della religione. Il fondamentalismo è la convinzione che le parole su una pagina hanno lo stesso significato letterale e figurato. Una parola significa quello che dice che vuol dire. Per i fondamentalisti ammettere che le parole possono essere interpretate, che il significato delle parole può cambiare, e che tutti noi abbiamo  interpretazioni un po' 'diverse di ciò che le parole significano, significa mettere in dubbio. E' il motivo per cui i cristiani fondamentalisti insistono sul fatto che le parole scritte nel Vecchio Testamento riguardo a uomini che giacciono con altri uomini è la parola di Dio in materia, anche se Cristo non ha mai pronunciato una parola su persone gay. E 'il motivo per cui gli ebrei fondamentalisti - ed è un fenomeno relativamente nuovo - si fanno crescere la barba, osservano le leggi dietetiche severe, e richiedono che le donne sposate nascondano i loro capelli e i loro corpi con abiti lunghi.

L'impulso fondamentalista è guidato dall'idea che la vita moderna è troppo complicata e fluida, e che il ritorno ai fondamenti - i "bei vecchi tempi '- riuscirà a risistemare le cose. E 'stata anche la convinzione che la Costituzione avrebbe potuto essere interpretata in modo fondamentalista che ha spinto Antonin Scalia a sostenere che la Costituzione era morta. In altre parole, le sue parole non erano vive in modo tale da poter essere interpretate. E di nuovo, quando la Costituzione è stata scritta, nella mente di Scalia, è stato quando tutti sapevano qual era il loro posto e il bianco, uomo, possidente, era l'unico che aveva la cittadinanza.

Nel mondo fondamentalista, gli uomini e le donne sanno qual è il "loro posto". Non ci sono persone omosessuali, o persone che non si riconoscono come maschio o femmina, ed è un mondo in cui le donne sono sottomesse agli uomini, i padri governano la famiglia come Dio governa la terra, e le donne occupano un ruolo naturale di madre a tempo pieno e moglie. Perché questo mondo possa prosperare , non ci può essere la contraccezione. Se si dispone della contraccezione, e, peggio ancora, dell'aborto, poi le donne hanno il controllo sui loro sistemi riproduttivi. Non hanno più bisogno di obbedire agli uomini, perché lei non ha più bisogno di proteggere i figli di lui. Nel mondo integralista, un uomo sa sempre quel che è. Lui è un guerriero. Lui è un padre. Lui è un amante delle donne, della moltiplicazione dei bambini e poi li protegge. (Nel fondamentalismo cristiano, per esempio, il Gesù  sofferente è soppiantato da un Cristo guerriero che guida soldati cristiani.)

Le sfide poste a quel mondo vengono da dentro e da fuori. Le sfide esterne sono uomini che vogliono prendersi le tue donne, che non vogliono per niente andare a letto con le donne, che sostengono soluzioni pacifiche e sono contro l'essere guerrieri. La sfida interna è che queste minacce esterne sono all'interno dell'individuo, facendogli venir voglia di dormire con gli altri uomini, per esempio. Ci sono altre minacce, ma queste minacce interne sono amplificate dalle minacce che provengono dall'esterno. Lo scopo della minaccia esterna è la sottomissione. E la sottomissione è qualcosa che si impone alle donne. Sottomettersi è ciò che una donna fa nei confronti di un uomo. Lei di sottomette a lui. Uomini stranieri che desiderano conquistare vogliono sottomettere i vinti. Vogliono prendersi le donne - lo stupro è spesso una tattica di guerra - e vogliono controllare gli uomini conquistati. L'essere dominato è paura della propria insicura virilità. E 'il timore che qualche altro uomo stia per violentarti, e peggio, perché se tu avessi scelta, portesti  avere rapporti sessuali con altri uomini, perché ti è piaciuto e ti sentivi emotivamente vulnerabile.

L'11 settembre 2001 i terroristi hanno attaccato il Pentagono e abbattuto le Torri Gemelle. E 'difficile non vedere la terrificante simbologia fallica delle due alte torri davanti agli occhi mentre vengono  abbattute da uomini che miravano gli aerei addosso a loro. In seguito, i dirottatori sono stati chiamati codardi e deboli, ma abbiamo anche visto la nascita di un presidente "uomo virile" che indossava tute di volo ed è atterrato sui ponti delle portaerei, dove abbiamo ammirato gli uomini come Chris Kyle, cecchino americano, che ha usato la sua pistola per uccidere coloro che ci minacciavano. Quella rabbia per essere stati penetrati dal nemico si è espressa  nelle canzoni, in show televisivi, e negli scritti sgangherati di chickenhawks che erano desiderosi di mandare i giovani in guerra quando essi stessi si erano mobilitati per tirarsi fuori dalla guerra del Vietnam.

Se il tiratore di Orlando è una continuazione della guerra contro altri uomini che mirano a sottomettere noi, allora Brock Turner è un altro riflesso di ciò che ci portano  il pensiero fondamentalista e l'insicurezza della propria virilità. Sappiamo dalla lettura della lettera al giudice, che il padre di Brock Turner ha scritto che pensava dello stupro che suo figlio aveva commesso come a "20 minuti di azione", e passare il tempo in carcere per lo stupro sarebbe stato un "caro prezzo da pagare" per quei "20 minuti". In questo tipo di mondo, Brock l'atleta - l'apogeo della virilità giovanile - era solo un ragazzo che ha preso quello che gli spettava di diritto.  Ha visto una donna che era troppo ubriaca per resistere, e così ha preso quello che era stata allevato a credere fosse suo.

LORRAINE BERRY

Nessun commento: