TUTTI I COLORI di EMMA BONINOgionali Lazio 24-25

domenica, settembre 28, 2008

cosa significa la parola "BarCamp".

ROMA 3-5/10 Conferenza BAR-CAMP "La crisi della (non)democrazia"

Ricevo da
Diego Galli, Responsabile del sito internet Radio Radicale queste delucidazioni che diffondo
Via Principe Amedeo, 2
00185 Roma
Tel (+39) 06 488781
Email: internet@radioradicale.it

Dato che la scelta di questa tipologia di incontro non l'abbiamo fatta casualmente, ma rispecchia l'obiettivo e la visione di fondo che vogliamo perseguire ("i mezzi che prefigurano i fini" come amano dire con Gandhi i radicali), riteniamo importante dare una spiegazione più approfondita di questo termine.

Secondo la definizione di Wikipedia, il BarCamp è "una rete internazionale di conferenze create dagli utenti - eventi aperti e partecipativi, i cui contenuti sono prodotti dai partecipanti".
Si tratta di un prodotto della cultura libertaria degli hacker e dei programmatori open source, originaria della California ma che ha trovato un florido terreno di espansione grazie al successo degli strumenti partecipativi e di comunicazione informale favoriti da internet. Il carattere aperto, autogestito e collaborativo di questo tipo di eventi ha attratto negli ultimi anni l'attenzione degli appassionati della rete anche in Italia.

Il primo BarCamp è stato organizzato a Palo Alto, in California, il 19 agosto del 2005. Un gruppo di programmatori creò l'attuale sito wiki per organizzare una conferenza in opposizione al Foo Camp, una serie di incontri innovativi promossi da Tim O'Reilly, celebre editore informatico e evangelista delle nuove tecnologie, dove l'agenda e i contenuti della discussione sono decisi dai partecipanti. Al contrario dei Foo camp, dove gli invitati erano selezionati da Tim O'Reilly e la sua cerchia (Foo sta per "Friends Of O'Reilly"), i BarCamp sono nati per consentire la partecipazione di tutti, in aperta critica rispetto all'approccio elitario e chiuso delle conferenze organizzate da O'Reilly.

Il nome deriva da Camp, che sta per campeggio (i partecipanti ai Foo Camp e al primo BarCamp potevano campeggiare nei pressi del luogo della conferenza), e da Bar, un termine gergale utilizzato dagli hacker per dare un nome indefinito a un dato, una variabile, una funzione o un comando.

Sia i Foo Camp che i BarCamp sono chiamati anche "nonconferenze", in quanto in opposizione alle conferenze tradizionali non è prevista una divisione prestabilita tra relatori e pubblico, i temi non sono predeterminati dagli organizzatori, e la discussione è l'aspetto centrale dell'evento, non un accessorio.

Le regole per la tenuta di queste conferenze sono in gran parte ispirate dalle regole della Open Space Technology di Harrison Owen. Questo approccio si basa sull'idea secondo cui rendere il pubblico partecipe di un evento aumenta la creatività e produttività della discussione e consente l'emergere di una maggiore quantità e qualità delle informazioni scambiate. Inoltre, l'approccio aperto e partecipativo si rivela più vantaggioso per affrontare questioni complesse, la cui comprensione non può essere appannaggio di "esperti".

I contenuti della discussione vengono proposti in rete nei giorni precedenti e il giorno dell'evento si trasformano in temi scritti su post-it attaccati su una tabella a griglia (in inglese si chiama "The Open Grid"). La giornata è suddivisa per le sale e disposizione e a ogni argomento proposto e relativi relatori viene assegnato un tempo per svolgere al discussione.

Sul sito di Radio Radicale potete trovare le registrazioni audiovideo di alcuni barcamp svoltisi in Italia negli ultimi anni.


Perché un BarCamp sulla democrazia


L'approccio che caratterizza i BarCamp, seppure finora confinato principalmente nel campo informatico, crediamo possa rappresentare un'opportunità interessante per un incontro che si prefigge di affrontare una questione complessa come la crisi della (non)democrazia italiana, e di mettere in rete le esperienze di singoli e movimenti che tentano di contrastarla attraverso forme innovative di partecipazione e lotta politica.

Inoltre, l'approccio libertario e aperto del BarCamp crediamo si coniughi bene con il tentativo di promuovere forme di democrazia diretta. Infondo, il nostro BarCamp non è altro che una forma moderna di assemblea di cittadini che vogliono prender parte alla discussione sulla città, usufruire del diritto di parola, e potersi confrontare sui temi di loro interesse.

Sono 290 i partecipanti al DemCamp "Esperimenti democratici" che si terrà a Roma, presso la sede dell'Università Popolare, in via IV novembre 157, il prossimo 4 ottobre.

http://barcamp.org/demcamp

Seguendo il modello dei Foo Camp, anche i BarCamp dovrebbero mettere a disposizione dei partecipanti uno spazio per campeggiare. In città come Roma questo non è possibile, e l'alternativa può essere rappresentata dall'ospitalità sui divani messa a disposizione gratuitamente da migliaia di persone tramite il sito couchsurfing.or

http://www.radioradicale.it - Via Principe Amedeo, 2 - 00185 Roma
Tel (+39) 06 488781 Email: internet@radioradicale.it

Nessun commento: