TUTTI I COLORI di EMMA BONINOgionali Lazio 24-25

giovedì, aprile 24, 2008

A proposito di relativismo culturale.

16/04/08 -
Da sempre siamo convinti che il contrario del relativismo è l'assolutismo che, quando è sostenuto da una qualsiasi versione della Menzogna Globale, diventa il più pericoloso e criminale ostacolo alla libertà di pensiero, di critica e di comportamento individuale.

Ma a sua volta il relativismo culturale non può costituire una sorta di alibi per tollerare qualsiasi comportamento sociale consolidato all'interno di una comunità etnica o religiosa.

Per questo siamo inorriditi e ci siamo mobilitati a favore di quella bambina di 9 anni costretta dalla tradizioni della sua comunità ad andare sposa a un uomo maturo a cui veniva di fatto legalmente consentita una disgustosa violenza sessuale su minori. L'orrore suscitato ha consentito che quella bambina ottenesse il "divorzio" e venisse liberata dagli abusi.

Ce ne rallegriamo, ma per tornate al concetto iniziale dobbiamo dedurne due riflessioni.
La prima è che in nome del relativismo culturale non possono essere tollerati tutti i comportamenti consentiti dalle tradizioni sociali o religiose di determinate comunità.
La seconda è che ci sono culture, per quanto storicamente consolidate e accettate da una comunità, che rispetto ai valori affermati con la dichiarazione universale dei Diritti dell' Uomo possono essere giustamente definite non solo "inferiori" ma addirittura criminali.


LEGGI questo ed altro su www.nogod.it

Nessun commento: