TUTTI I COLORI di EMMA BONINOgionali Lazio 24-25

sabato, gennaio 17, 2015

Elsa Cayat, l'unica donna vittima il 7 gennaio 2015 a Charlie Hebdo del terrorismo islamico...

 


Psicologa colta, e vivace analista delle dinamiche di coppia, Elsa Cayat (1960 – Parigi, 7 gennaio 2015), unica donna tra i redattori di Charlie Hebdo ammazzati dai terroristi islamici, rivive nelle sue opere sulla sessualità di coppia e sulle differenze fra i due generi.

*****
4 milioni di francesi uniti contro il terrorismo. Una fiumana di determinazione, di solidarietà. Una moltitudine di cordoglio, di estremo dolore, certo, ma senza paura: 
«Terroriste t'es foutu, / la France est dans la rue!» (Terrorista, sei fottuto / la Francia è scesa in piazza!). 
Nell'ultimo week-end, quella che da "Le Figaro" è stata definita una "marea umana" ha sguinzagliato tutto il suo disprezzo verso il fanatismo islamico, e soprattutto, verso il terrorismo, incarnando con il suo "je suis Charlie" le 12 vittime della redazione Charlie Hebdo. Le vittime, uccise dal fuoco dei kalashnikov aperto al grido di "Allah akbar!", erano soprattutto giornalisti, oltre a un addetto alla portineria e ad un poliziotto in sorveglianza. Una donna, fra le vittime - Elsa Cayat, psicoanalista e scrittrice - curava la rubrica bisettimanale "Charlie Divan". E' per omaggiare il suo lavoro e il suo contributo all'informazione francese che diamo spazio, qui, alle sue opere di genere. 

Elsa Cayat, infatti, era un'analista delle relazioni fra uomini e donne, un'indagatrice delle dinamiche di coppia, una studiosa della psicologia dei generi
Nel 1998, la Cayat aveva pubblicato, con Jaques Grancher Edition, un volume di psicologia dal titolo "Un homme + un femme = quoi?" ("Un uomo + una donna = che cosa?"). In questo libro, la psicologa scongiurava l'approdo della coppia a mero "quadretto formale di celibi e nubili che semplicemente coabitano" in un'unione "non più intima ma prettamente sociale". Così, con uno sguardo certamente ironico e pronto a sorridere di molte disillusioni, la Cayat osservava come si possono paradossalmente celare, dietro un grande amore, l'odio e il risentimento.

L'occhio sbarazzino della Cayat sopravvive ancora nella sua più recente pubblicazione - Albin Michel 2007 - redatta a quattro mani con il giornalista Antonio Fischetti, "Le désir et la putain: Les enjeux cachés de la sexualité masculine" ("Il desiderio e la puttana: La celata posta in gioco della sessualità maschile"). La Cayat vi analizzava la centralità del sesso per gli esseri umani, il significato simbolico della penetrazione, vi si domandava se le parole fossero oggetti dotati di carica libidica, se tutte le donne non fossero, per gli uomini, che una variazione sul tema della "madre" o della "puttana". Cayat e Fischetti vi dibattevano, infine, di prostituzione, per coprire a parole tutto il divario che intercorre fra desiderio, carnalità e "intima comprensione sessuale" fra i generi.

Insomma, la Cayat, - che avrebbe potuto ancora regalarci perle di sapienza sulla vita di coppia e sull'amore - nel suo più luminoso guizzo dello spirito, possiamo leggerla nell'intervista edita su Psychologies.com, che così comincia: «Come è possibile voler fondare la propria vita su qualcuno che sia altro da se stesso? Questo è il nucleo di qualsiasi problema sull'amore. Il punto, infatti, non è cercare di fondare la propria vita sulla vita di un altro. Il punto è di assicurarsi la propria vita e di rimettere al centro il Sé, per potersi aprire all'altro... Da qualche parte dentro di noi noi vorremmo poggiarci e riposare sull'altro perché crediamo che tutti i problemi provengano da una mancanza d'amore. Pensiamo che l'amore sia la soluzione ad ogni carenza, e dunque, che l'altro possa guarirci da ogni male. Ma questo è falso. Non soltanto l'altro non può supplire alle nostre carenze, ma i problemi personali spunteranno fuori nella misura stessa dell'intensità amorosa. Per poter risolvere i nostri problemi, dobbiamo analizzarci interiormente e ricentrarci sul nostro Sé, sul nostro io...»
NOIDONNE Marta Mariani    -  12 Gennaio 2015 


Ma chi era questa donna straordinaria, unica donna ammazzata durante l'attacco perché ebrea?
La sua storia  incredibile da    THE INDEPENDENT 17 gennaio 2015

Doctor Elsa Cayat: Psychoanalyst who wrote for 'Charlie Hebdo' and was murdered in the terrorist attack on the magazine

Le sue colonne andavano da argomenti come la patria potestà alle radici della Shoah.

Nel mese prima di morire Elsa Cayat ha ricevuto un paio di telefonate identiche: "Tu sporca Ebrea. Smetti di lavorare per Charlie Hebdo Se non lo fai, ti uccideremo..." 
Preoccupata, questa eminente psichiatra e psicoanalista parigina, che ha contribuito con la sua colonna quindicinale alla rivista satirica, ha  discusso di questi messaggi con la sua famiglia. "Abbiamo deciso che erano solo spazzatura verbale", ha detto il fratello minore, Frederick. "Non pensavamo che sarebbe potuto realmente accadere." 

La mattina del Mercoledì 7 gennaio, però, Elsa Cayat è stata l'unica donna individuata come da uccidere durante l'attacco contro gli uffici di Charlie Hebdo. 
"Sembra che lei sia stata selezionata per essere giustiziata perché era ebrea", ha detto la cugina Sophie Bramly, produttore cinematografico e autore. "Avevano una lista di coloro a cui volevano sparare e hanno detto che non volevano uccidere le donne. Ma lei è stata l'unica donna che non è stata risparmiata."

 Per gli ultimi tre anni, utilizzando la sua formazione psichiatrica, Cayat aveva scritto "Charlie Divan" (Charlie sul divano), una colonna quindicinale sul settimanale, con tematiche  molto vaste. Il suo ultimo articolo trattava le impressioni negative di uno dei suoi pazienti sul Natale; anche se il suo intento era quello di dare un taglio psicologico a questioni contemporanee, Charlie Divan ha riflettuto spesso in forma anonima le preoccupazioni dei pazienti di Elsa Cayat. 

Se lei è nata in Tunisia, la famiglia di Elsa si trasferì a Parigi, alla periferia di Vincennes, quando era bambina, e aveva una sorella maggiore, Beatrice, oltre a Frederick. Suo padre, un gastroenterologo, era un comunista con tanto di tessera; sua madre lavorava nella professione legale. Fiera e un po' irascibile da bambina, come ricorda suo cugino, Cayat era sbocciata soprattutto nel rifugio da  weekend di campagna a Dourdan, un'ora da Parigi, che i suoi genitori avevano appena acquistato. Anche se la proprietà era dotata di un giardino di grandi dimensioni, non era certo un luogo idillico. Entrambi i genitori esibivano un rigoroso livello accademico: c'era da parte loro una certa insistenza nell'esigere  lunghe discussioni su tutti i tipi di soggetti . "Non era soltanto una famiglia felice - in realtà, lei spesso non andava d'accordo con i suoi genitori", ha detto Bramly. "Ma era intellettualmente appassionata, e questo tipo di educazione la spinse a diventare quello che è diventata.

Prima che Cayat potesse incontrare la squadra di Charlie Hebdo si è affermata con grande successo come psichiatra a Parigi. Qualificatasi come medico all'età di 21 anni ha subito iniziato la formazione nella disciplina  da lei scelta. (La sua scelta di carriera medica non ha avuto però alcun riflesso sulla sua voracità di fumatrice a catena.) Una combinazione di intenso lavoro, 12-15 ore al giorno erano la norma, una maniera profondamente empatica e la mentalità analitica, hanno rapidamente portato al successo questa donna intelligente. I suoi pazienti erano legione, in gran parte di classe superiore e intellettuale. "Ha avuto un sacco di pazienti, perché ha dato il suo tempo agli altri e ha una grande capacità di ascoltare; voleva aiutare le persone ad avere una buona vita", ha detto il fratello Federico. "Era una eccellente ascoltatrice. Questo è stato fondamentale nei suoi rapporti con i suoi pazienti." 

I suoi diritti non erano a buon mercato, e ben pagati in Avenue Mozart per la sua pratica, nel costoso 16 ° arrondissement alla moda. Nel 1998 ha pubblicato il suo primo libro, dal titolo imperscrutabile, un riflesso della sua intelligenza esigente: Un Homme + Une Femme = Quoi? (Un Uomo Una Donna + = Che è?). Nove anni più tardi arrivò il successivo, Le Désir et La Putain (Desire e The Whore). Questa coppia di libri ha migliorato solo la sua reputazione e lei ha iniziato a muoversi in ambienti più letterari. 
Quando, poco più di tre anni fa, ha prima incontrato in società  Stéphane  "Charb" Charbonnier e alcuni della sua squadra di Charlie Hebdo, è stata subito presa da loro, riconoscendo spiriti affini. "Era una donna che aveva un incredibile successo nel suo campo particolare e si è voluta mescolare con persone piene di fuoco complessivamente allo stesso suo  modo con idee estreme in un'altra area", ha detto Bramly.
 I suoi sentimenti sono ricambiati. "Le Divan", la sua rubrica, ha cominciato a comparire poco dopo su Charlie Hebdo. Con un taglio molto intelligente, variava, ha riferito Le Figaro, da temi come la patria potestà alle radici della Shoah.
Non contrari a indagare la psiche, la scorsa estate Cayat è volata con Charbonnier e altri collaboratori di Charlie Hebdo in Perù, con l'intenzione di sperimentare l'ingestione di peyote. Tornata dal Sud America, è diventata una fautrice dell'uso di questa sostanza, raccomandandola a sua zia di 86 anni. 

Elsa Cayat, psichiatra e giornalista: nata a Sfax, Tunisia il 9 marzo 1960; una figlia; morta a Parigi il 7 gennaio 2015.

Nessun commento: