TUTTI I COLORI di EMMA BONINOgionali Lazio 24-25

lunedì, maggio 06, 2013

«La crociata dei Rosenberg a caccia di opere d'arte saccheggiate dai nazisti»


La storia di Paul Rosenberg, a caccia dei suoi quadri rubati dai nazisti
Il racconto di Massimo Vincenzi   

La Repubblica

Da INFORMAZIONECORRETTA

«La crociata dei Rosenberg a caccia di opere d'arte saccheggiate dai nazisti

Avvincente e accurato l'articolo di Massimo Vincenzi su REPUBBLICA di oggi, 28/04/2013, a pag.18, con il titolo "La crociata dei Rosenberg a caccia di opere d'arte saccheggiate dai nazisti".

                                    Paul Rosenberg

DAL NOSTRO INVIATO NEW YORK — Era una delle (tante) ossessioni dei gerarchi nazisti: rubare opere d'arte. Secondo un calcolo approssimato per difetto, ne saccheggiarono oltre centomila nei paesi occupati per un valore attorno ai 10 miliardi di dollari. Avevano creato una divisione apposta che aveva il compito di setacciare musei, case d'aste e collezioni private. Come quella della famiglia Rosenberg, che da allora, da oltre settant'anni, da tre generazioni, insegue il suo tesoro perduto con pazienza, tenacia e incredibile capacità, tanto da aver recuperato quasi il 90 per cento dei quattrocento pezzi originali. La loro avventura sembra un film, e in effetti — benché solo come spunto — lo è già: "Il treno". Una pellicola di guerra con Burt Lancaster dove si racconta il tentativo di un colonnello delle SS di mettere in salvo, in Germania, il suo bottino di tele pregiate (e rubate). Ed è anche un libro, 21 rue La Boetie, della giornalista francese, nonché ex moglie di Dominique Strauss-Kahn, Anne Sinclair che è la nipote del capostipite, Paul Rosenberg. La storia, raccontata dal New York Times, inizia a Parigi negli anni Trenta, dove il giovane Paul fonda una galleria d'arte che diventa presto una delle più importanti. Amicissimo e confidente di Picasso, il quale cerca una casa a due passi da lui: "Ciao Rosi", "Ciao Pic", è il saluto dei due ogni mattina, il mercante crea una rete di rapporti con i migliori pittori e, di conseguenza, una collezione prestigiosa: Matisse, Braque, Cézanre ne e poi ancora Renoir, Van Gogh. La notte scende quando arriva la guerra e con i nazisti alle porte Paul Rosenberg decide, per sfuggire ai campi di concentramento, di andare negli Stati Uniti, destinazione New York, dove apre subito un'altra galleria nell'Upper East Side. Prova a spostare anche le sue opere d'arte ma è impossibile, non c'è più tempo. Prima di scappare, le nasconde inutilmente in una banca e in una casa di Bordeaux, ma soprattutto, cosa che si rileverà molto più efficace, mette per iscritto con amore maniacale un inventario completo. Nei giorni confusi della Liberazione, nell'agosto del 1944, Alexandre, il figlio maggiore, entra nella capitale al comando dell'esercito francese e dopo un breve scontro a fuoco fa irruzione nel treno numero 40044 (quello del film) diretto verso la Germania e nei vagoni trova decine di sculture, oggetti preziosi e quadri, molti di quelli che lui aveva imparato a conoscele sulle pareti della casa paterna. La caccia parte da qui. La piccola lista è ora un archivio monumentale con oltre 250mila documenti che occupa un intero piano della casa di famiglia a Manhattan. E a portare avanti "la crociata dei Rosenberg", c'è Marianne la figlia di Alexandre che fa l'avvocato: «Non lasceremo mai perdere, non dimenticheremo: è la nostra missione». Per anni, lei e i suoi parenti hanno spulciato i cataloghi dei musei, pubblicazioni delle case d'aste, gli archivi dell'Interpol e quelli delle associazioni — come quella del Getty di Los Angeles o dell'Holocaust Memorial Museum — che hanno messo online l'elenco delle opere rubate dai nazisti. Un dipinto di Braque viene trovato nel negozio di Josée de Chambrun, guarda caso la figlia di Pierre Laval uno dei leader del governo di Vichy. Un Matisse viene individuato durante un'esposizione temporanea al Centre Pompidou, un altro viene scovato, proprio in questi giorni, in Norvegia. E via così, quadro dopo quadro, scoperta dopo scoperta. Ogni volta è una battaglia legale, ogni volta è una sfida contro le leggi dei paesi, che nonostante ripetuti accordi internazionali spesso intralciano il recupero. Difficoltà che non fermano i Rosenberg: «Paul sarebbe andato sino alla fine del mondo per ritrovare e portare a casa i suoi adorati quadri», dice un amico. E gli eredi hanno lo stesso sangue: «Adesso toccherà alla quarta generazione finire la caccia», giura Marianne. Tanto, manca ancora poco prima dei titoli di coda con il lieto fine e la scritta missione compiuta.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, cliccare sulla e-mail sottostante 


rubrica.lettere@repubblica.it

Nessun commento: